kyudo

kyudo
Un Diario di appunti sull'arte del Kyudo e non solo.....

martedì 1 agosto 2017

L'abbaglio del bersaglio di paglia


L'abbaglio appare ogni volta che si porta a confronto la pratica del Makiwara da quella del Mato.
In genere riesco a praticare al Dojo una volta alla settimana per il tiro regolare di studio al bersaglio.
Per il resto, la sera a casa durante la settimana, ho il mio maestro di paglia solitario con cui praticare il tiro.
Con questo maestro silenzioso ma importante riesco veramente a sentirmi a mio agio, e a più riprese un'illusione ottica mi porta a pensare che anche quando il sabato saro' davanti al mato avrò un buon risultato di tecnica e precisione.
Ma non è così.
Si è studiato con il cuore....è vero, ma la pratica al mato è tutta un'altra storia.
Quel bersaglio di carta a 28 metri, eccolo li'. 
Non sembra captare bene le mie freccie quando il sabato faccio ritorno al dojo.
Tutti guerrieri sembriamo davanti al bersaglio di paglia, ma poi difronte alla realtà ci caliamo le braghe e tutto cambia.
Ma per fortuna è solo un'esperienza da superare, e si può superare.

martedì 20 giugno 2017

Concetto della vita e della morte.




Mi ha stupito non poco vedere dei bellissimi merli saltellare nel verde prato dell'area di tiro del dojo durante un'appassionante Hikomi di 20  freccie.
Le freccie sibilavano come saette, ma questi docili inquilini del dojo sono rimasti impassibili alla ricerca di un qualche vermetto da beccare e....altresì non si sono per niente curati del nostro tiro sopra le loro teste.....
Questa noncuranza che non ha niente a che vedere con una forma di pazzia, mi fà riflettere sul perchè questo accade, e non è la prima volta che lo vedo.
E' come se esistesse uno spazio di fronte al pericolo, in cui non si può venire colpiti.


Cronache antiche raccontano di episodi simili legati a personaggi del passato durante battaglie campali o duelli individuali.
Una forma superiore di comprensione non legata a nessuna intellettualizzazione comune.
La sento dentro ma non la saprei ripetere.
Un'altro livello di comprensione della parte più profonda di queste antiche arti, oserei aggiungere.