kyudo

kyudo
Un Diario di appunti sull'arte del Kyudo e non solo.....

martedì 27 ottobre 2015

Yumi Yugami "L'arco che flette".

Nelle difficoltà del tiro si passa da un'esperienza ad un'altra, affrontando un pezzo alla volta i cambiamenti che richiedono uno sforzo continuo per arrivare a comprendere con il corpo e con la mente la giusta tecnica.
Qualcuno mi diceva tempo fà che il kyudo è facile, "eccheccevo'; fatto sta' che andando avanti i difetti aumentano a dismisura e lo studio appare ancor più difficile.
Dovete tirare dritto, lo spirito (kokoro) deve essere "dritto", andando avanti i vizi e i difetti aumentano, diventano più gravi, ma è necessario impegnarsi per eliminarli, viene detto nel commento all'ottava lirica delle Hika (Heki Mokuroku).
In questo periodo mi soffermo su questi versi:

L'arco deformato,
me stesso deformato,
col suolo inclinato,
tener dritto bisogna
corda, freccia e cuore.





Nessun commento:

Posta un commento