kyudo

kyudo
Un Diario di appunti sull'arte del Kyudo e non solo.....

sabato 30 agosto 2014

lanterna dell'imprevisto in giardino.

Accade che un imprevisto puo' trasformarsi in qualcosa di positivo.
E così capita di dover eseguire dei lavori di urgenza per infiltrazioni di acqua dal proprio giardino.
Per me che ho una passione smisurata per la natura e i giardini è qualcosa di pesante, e vedere il mio Maestro di tanti lavori, rivoltato come un calzino è qualcosa di tremendo, e come se non bastasse,,,tante ore di lavoro e piante da spostare con urgenza.
Beh, meditandoci sopra ogni cosa ha un inizio e una fine, nulla però è mai perduto.
Torna in mente il progetto di costruire una nuova versione del mio giardino con una velata ispirazione Giapponese che ricorda quello che ho più nel cuore......., i giardini da thè, con i sentieri e le lampade di pietra.
Avevo in passato costruito una lanterna in legno che aggiungeva colore alle piante, ed era per me davvero una soddisfazione vederla illuminata nelle serate d'estate per non parlare poi di quando è stata ricoperta dalla neve.
Ora quella lanterna illumina con piacere le serate al dojo di kyudo dove pratico (Aka Tonbo), e al suo posto è venuto fuori un modesto lavoro nuovo di zecca che sembra aver portato nuovamente una sorta di avventura nel progettare in meglio la forma del giardino.
Questa lanterna dell'imprevisto è un buon insegnamento e un buon allenamento manuale, direi che ancora una volta il mio giardino risulta essere il miglior Maestro che abbia mai incontrato, e fatto ancora più importante non parla ma si fà comprendere alla perfezione.
Allego come consueto foto dell'immancabile digitale Heki da assalto.













Nessun commento:

Posta un commento