kyudo

kyudo
Un Diario di appunti sull'arte del Kyudo e non solo.....

martedì 12 novembre 2013

Kusune

Parlando con il caro amico di Firenze Tommaso, è venuto fuori un buon discorso sul Kusune.
Nel nostro ambiente di arcieria si parla di Kusune quando si fà riferimento la mantenimento delle corde di canapa (Tsuru) affinchè le fibre non si secchino,  o del guanto (Kake) per quanto concerne lo Tsuru Makura per facilitare il rilascio della corda influendo in particolare sul lavoro del Torikake.
Le corde in canapa hanno un buon costo, ma a ben dire, dato che lavorandoci sopra hanno un ottima resa nel rilascio.
Le corde sono intrise di Kusune che di tanto in tanto vanno per così dire, lubrificate nuovamente con un cuscinetto (warajii) intriso sempre da Kusune in modo tale che non si sfibrino dopo tanti tiri fino a portarlo alla completa rottura.
Kusune è una miscela di resina di pino o Matsuyane, e olio sotetsu, olio questo che deriva da una palma della famiglia delle cycadacee.
E' presente una miscela per l'estate (Natsu no Kusune) con una quantità minore di olio che la rende meno grassa, e una miscela d'inverno (Fuyu no Kusune) con una maggiore quantità di olio che la rende più grassa e quindi più flessibile al freddo.
L'amico arciere Tommaso, circunavigando nelle vaste lande della rete, ha reperito da un blog di appassionati di "Nippon To",  un tipo di Kusune che veniva applicata sulla tsuka-maki delle spade giapponesi che in linea di massima è lo stesso che si mette sulle nostre corde.
Si prende della Colofonia e si mescola con olio di colza e si fà bollire per due ore su fornello elettrico e il risultato è ottimo.
Io non ho avuto ancora occasione di sperimentare, ma proverò a seguire la stessa prova dell'amico Tommaso.
Allego foto cortesemente inviate da Tommaso F. per  una chiara visibilità del lavoro svolto.








 

Nessun commento:

Posta un commento