kyudo

kyudo
Un Diario di appunti sull'arte del Kyudo e non solo.....

sabato 12 ottobre 2013

Si tende un nuovo arco.

Nella continua ricerca di un buon binomio Arco Arciere, si passa sempre a nuove fasi di conoscenza e apprendimento di questa bellissima tradizione arcieristica chiamata "Kyudo".
La mia sensazione è che non si è mai soddisfatti di scoprire nuove opportunità  per apprendere al meglio la tecnica per aprire e tirare con l'arco Giapponese.
Ho la fortuna di avere nel nostro dojo un buon arciere di lunga esperienza arcieristica e costruzioni di materiali, che prova sul campo, mette in pratica le sue conoscenze "che funzionano bene" a favore dell'intero gruppo del dojo.
La sua curiosità e manualità mi ha permesso di chiedergli di costruirmi un arco di una potenza superiore a quello di cui abitualmente mi affido per la pratica, con le caratteristiche e il colore di cui avevo bisogno.
A prova sul campo, come dico sempre io, quest'arco costruito in fibra e legno, si adatta perfettamente al mio livello di tiro che ho raggiunto finora, e mi dà una sicurezza durante il tiro indescrivibile, considerando che passo da una potenza esprimibile di 14 kg a 16 kg, e per di più senza alcuna vibrazione fastidiosa dopo il rilascio provata con altri archi in passato.
Se dovessi esprimermi con un nomignolo lo chiamerei "La vedova nera", una senzazione di potenza ed equilibrio che non lascia nulla al caso, pur essendo consapevole che sono mie senzazioni alla mano.
Il kyudo della scuola Heki invita i suoi praticanti nello studio della tecnica, ma anche un continuo e incessante studio dei materiali con cui avanzare per comprendere fino in fondo il binomio arco - arciere e il tiro potente e forte più preciso possibile.
Maurizio Francescangeli è l'arciere a cui ho affidato la costruzione di quest'arco, cha già per il dojo "AKA TOMBO" ne ha costruiti altri esemplari, sempre in fibra di varia potenza a richiesta dei membri del club.
Caro Maurizio questo post e le foto che seguono è per ringraziarti del buon lavoro che hai realizzato.









Nessun commento:

Posta un commento