kyudo

kyudo
Un Diario di appunti sull'arte del Kyudo e non solo.....

martedì 25 settembre 2012

Verità del momento.




Nel silenzio
lo stridio delle cicale
penetra nelle rocce.




Matsuo Basho (1644-1694)

4 commenti:

  1. Mi viene in mente un anedoto simpatico. Lo scorso anno, durante una sesshin notturna all'aperto, sentivo i grilli. Parlandone poi con altri presenti beh...nessuno li aveva sentiti. Da lì la scoperta di soffrire di acufeni. E quei grilli mi tengono compagnia anche ora mentre ti scrivo :)
    Ciao 'nzo. Butta un bacio a Roma!

    RispondiElimina
  2. Yanzò, ma ti pare che non ti bacio Roma....è la mi regazza!!
    Parte gli scherzi, è un piacere quello che hai scritto, perchè hai capito il senso di questo Haiku.
    Ma dove pongono gli altri le orecchie?? sui libri?? sulle parole altisonanti di maestri sò tutto io?? oppure non vogliono saperne di guardare con le orecchie e sentire con gli occhi.
    ;))

    RispondiElimina
  3. Lascia stare va che ho appena assistito a dei botta/risposta su un post di fb dove credo si facesse a gara a chi parlava di Dharma in maniera incomprensibile. Della serie mò da comprà er vocabolario Italiano/Buddhese - Buddhese/ Italiano....
    Ci sono ancora persone che credono che con più parli difficile con più sei intelligente. Vabbeh... :-)

    RispondiElimina
  4. ....ma se almeno credessero un pizzico in quello che predicano sarei disposto anche ad ascoltarli.
    E come assistere ad un colloquio tra non udenti, (con rispetto parlando dei non udenti).
    Se io metto ogni giorno un piede dietro l'altro e sono consapevole di questo, penso che questi discorsi del parlare difficile non mi toccherabno mai.

    RispondiElimina