kyudo

kyudo
Un Diario di appunti sull'arte del Kyudo e non solo.....

lunedì 9 luglio 2012


Mi capita di pensare, alle volte, conoscendo delle persone con il tempo che in molti cercano ma non trovano, trovano ma non cercano...., tutto rimane buio dentro di loro, cosa cercano realmente in quest'arte??

I ciechi sono numerosi , e “cercano” qualcosa in Cielo. Ora, il verbo “cercare” è incompatibile con la condizione dei ciechi veri e propri, che non possono contare sul senso della vista. Il fatto che i loro occhi spenti dardeggino verso l’alto non equivale a dire che essi “cerchino” qualcosa: un cieco sarà senz’altro capace di cercare un oggetto con il tatto, l’olfatto, l’udito o, al limite, il gusto, ma non sarà in grado di cercare alcunché con i propri occhi.
Tratto da: “Les Aveugles” di Charles Baudelaire: la visione e la non visione nel moderno. Un tentativo di lettura (2003)

Nessun commento:

Posta un commento