kyudo

kyudo
Un Diario di appunti sull'arte del Kyudo e non solo.....

venerdì 22 giugno 2012


Ci sono cose che un saggio non riesce  a fare, mentre uno stupido sì.    E scoprendo di aver inaspettatamente trovato la vita nella morte, egli ride di cuore.
Sengai

lunedì 18 giugno 2012

Waraji

Questa volta mi sono divertito a costruire un tipo di sandalo,  somigliante a quelli usati anticamente dai Giapponesi.
I waraji erano delle calzature o sandali tradizionali che in passato erano di uso comune per le persone in Giappone, compresi i samurai.
Vengono indossati sopra dei calzini (tabi)  facendo sì che il piede vada oltre il bordo anteriore della scarpa, così da far sporgere le dita per tre-quattro centimetri.
Non posso assolutamente garantire che siano fedeli agli originali, poichè mi sono avventurato sulla rete per capire in qualche maniera il modo di lavorarci sopra, ma calzandoli e camminandoci devo dire che calzano alla perfezione, mentre per la legatura ho seguito l'istinto.
Direi divertente e pratico, niente di più e nulla di meno.
Allego le solite foto dell'arcaica digitale Heki.





venerdì 15 giugno 2012

La bellezza di uno Yumi.

Questo è un' arco Giapponese che non ha avuto grande fortuna nel sopravvivere agli anni e all'incuria di persone che non sapevano come gestirlo, si è seccato nell'anima fino a cedere con crepe irriparabili.
Un vero peccato!!! un vero peccato davvero, che in ultima battuta non l'abbia capito anche io come ultimo proprietario.
Ma tuttosommato, senza rimpianti rumorosi, può ancora essermi di grande utilità, oltre che come utilizzo per un buon Gomu Yumi o arco di Gomma, anche come laboratorio per lo studio della composizione delle parti che compongono l'arco Giapponese.
Per qualcuno un'ottimo legno per costruire dei begli stuzzicadenti, .......per me un buon maestro con cui studiare.


mercoledì 13 giugno 2012

Yugamae

Yugamae, l'assetto del corpo in relazione con l'arco.
Permette di effettuare correttamente i movimenti successivi, e si compone di tre parti fondamentali:
Torikake: afferrare la corda dell'arco con il guanto.
Tenouchi: Il modo di impugnare l'arco in modo da imprimere la massima potenza durante la torsione(Tsunomi no kataraki) alla freccia.
Monomi: Guardare il bersaglio, ciò che si vuole colpire nel modo più naturale possibile.






giovedì 7 giugno 2012

martedì 5 giugno 2012

Ashibumi




 Ashibumi: L'allineamento dei piedi e del corpo in relazione al bersaglio. 


lunedì 4 giugno 2012

Non fermarsi in nessun luogo.

Si dovrebbe abituare la mente a non fermarsi in nessun luogo.
Se la mente si ferma la mano non compierà mai il suo gesto.
Una antica poesia  recita così:
"Il fiore che emana il suo profumo 
davanti alla mia porta di legno
lo fà con indifferenza.
Io, tuttavia mi siedo e lo osservo -
Com'è pietoso, questo mondo".