kyudo

kyudo
Un Diario di appunti sull'arte del Kyudo e non solo.....

domenica 26 febbraio 2012

L'attesa prima di essere pronti.


Questa storia è una storia molto antica, raccontata con semplicità in Cina qualche tempo fà da un discepolo di Lao Tse, un tale Mishotsu, ma che raccoglie in poche parole quello che un principiante eterno non dovrebbe mai dimenticare quantomeno di comprendere.
Quella dannata fretta di imparare, a volte và affrontata con pazienza, con pazienza e passione, prima di essere pronti.

"Un re desiderava avere un gallo da combattimento molto forte e aveva chiesto ad uno dei suoi sudditi di allevarne uno.      All'inizio questi insegnò al gallo la tecnica del combattimento.     Dopo dieci giorni il re domandò: "Si potrebbe organizare un combattimento con il  nostro gallo?" Ma l'istruttore disse: "No! No! No! E' forte, ma questa forza è vuota.      Vuol sempre combattere, è eccitato e la sua è una forza effimera".
Dieci giorni più tardi, il re chiese all'istruttore: "Si può finalmente organizzare questo combattimento?" No!No! Non ancora.   Si irrita ancora, vuol sempre combattere.    Anche quando sente solo la voce di un altro gallo, da un villaggio vicino, s'infuria e vuole battersi."
Dopo altri dieci giorni d'allenamento, il re chiese di nuovo:" E' possibile ora?"  L'istruttore rispose: "Ora non si eccita più; se sente o vede un altro gallo, resta tranquillo.    La sua posizione è giusta, la sua tensione è forte. Non si arrabbia più.   L'energia e la forza non si manifestano in superficie:"
"Allora va bene per un combattimento? chiese il re.     L'allevatore rispose: "Forse." 
Si portarono molti galli da combattimento e si organizzò un torneo.     Ma i galli da combattimento non potevano avvicinarsi a quel gallo.    Fuggivano impauriti!   Così non ci fù bisogno di combattere. Il gallo da combattimento era diventato un gallo di legno.    Aveva oltrepassato l'allenamento del waza.     Aveva una forte energia interiore che non si manifestava all'esterno.    La forza che era in lui era la sua tranquilla sicurezza. la sua vera forza nascosta, al di là della vita e della morte, al di là della vittoria e della sconfitta.

Estratto da "Zen e arti Marziali" T. Deshimaru -  ed. il Cerchio

Nessun commento:

Posta un commento