kyudo

kyudo
Un Diario di appunti sull'arte del Kyudo e non solo.....

mercoledì 15 giugno 2011

Meditando con Sengai.


A cosa paragonare la nostra vita?
A un lampo o a una goccia di rugiada…
Così penso – ma già non è più.


4 commenti:

  1. Bei riflessi sull'acqua.
    Bei pensieri.

    ...mi hanno sempre detto che bisogna fare "qualcosa" nella vita,ma sempre nel senso di cose materiali,come accumulare beni.Oppure diventare "qualcuno".
    Figurati come mi sento io che non lavoro davanti a questa società.

    Ma per fortuna ci sei tu che con queste parole mi ricordi che.

    Ciao :)

    RispondiElimina
  2. Ciao Ale
    Pensa che la foto l'ho fatta in un parco pubblico......, forse l'autore del servizio Giardini, ha un'anima zen.
    Ognuno di noi dovrebbe avere un'angolo dove meditare, che non sia per forza un muro, ma in tutto quello che ci si para difronte ogni giorno.
    Un momento dove respirare con i propri polmoni, vivere quello che si è realmente nella totalità.
    E ovviamente per me è sempre valida la considerazione che "Io vivo dannazione".

    RispondiElimina
  3. Per fortuna esistono ancora angoli di bellezza che permettono all'uomo di mettersi in contatto con il sè più vero, con la proprio spiritualità.

    Chi vive per accumulare è limitato, in un modo o nell'altro dovremmo lasciarci tutto alle spalle per ritornare al niente.

    Ecco come il 'niente' vince sul 'tutto' eheheeh...

    RispondiElimina
  4. ....è come quella luna di ieri sera, non è niente, ma è tutto!!!
    :)

    RispondiElimina