kyudo

kyudo
Un Diario di appunti sull'arte del Kyudo e non solo.....

lunedì 27 giugno 2011

Castello Pandone a Venafro.

Ma che carina la città di Venafro, un'autentico gioiello storico del Molise e dell'Italia.
Ovviamente non poteva sfuggire il bel castello Pandone che si erge sulla sommità della Città, imponente e pieno di storia.      Appare oggi come un'autentica residenza antica, fatto questo dovuto a tutta una serie di trasformazioni avute in varie epoche differenti.        La prima fortificazione risale all'epoca dei Longobardi nel X°Sec., segue l'epoca dei Normanni, fu anche visitato da Federico II.    In epoca Angioina (1275) il castello subì delle trasformazioni con la creazione di nuovi ambienti migliorando il sistema difensivo con l'edificazione della Torricella e aggiungiendo agli angoli oltre alla torre longobarda, altre 3 torri di forma Tronco-conica, molto simile al Maschio Angioino di Napoli.
Nel 1443 con la nomina di Conte di Venafro, il Conte Francesco Pandone stabilì la propria dimora nel Castello di Venafro, assumendo la funzione di dimora signorile, e fù introdotto anche per scopi difensivi, un cammino di ronda, con merli per le armi da fuoco, fù  anche costruita la Torre del Mercato "Torre Caracciolo" nella città.
In seguito con il conte Enrico Pandone il castello subì ulteriori modifiche caratterizzato da ulteriori opere architettoniche di carattere rinascimentale.     Alcune stanze conservano ancora dei bellissimi affreschi che rappresentano ben 26 cavalli a grandezza naturale appartenuti al conte che rappresentano una vera unica rarità in Italia, e che lascia davvero stupiti per la bellezza dei tratti e della lavorazione, dove traspare un'autentica passione per questi esemplari di cavalli.
La famiglia Pandone mantenne il castello fino al 1528, dopodichè nel XVII sec. il Castello passò ai Peretti Savelli e nel secolo successivo alla famiglia Di Capua, ed in seguito nel 1744 il Castello passò ai Duca Francesco Caracciolo.      
Ho preso queste notizie dalla Brochure del Comune di Venafro, Assessorato al Turismo- Associazione Nazionale Carabinieri Nucleo Volontariato Protezione Civile, a cui và il mio ringraziamento per l'assistenza all'interno del Castello e per la interessante spiegazione da parte dei volontari dell'Associazione, che a titolo gratuito hanno il piacere di raccontare la storia del Castello e della città di Venafro.
Un Castello da Visitare e una città davvero con una grande Storia.


2 commenti:

  1. Scorci deliziosi e storia interessante!

    RispondiElimina
  2. Ciao Supersamuraimammasaki, i castelli ci fanno un pò sognare, ma passeggiare intorno alle loro antiche mura con tutta la storia che c'è dietro, ci rilassa tantissimo.
    Sono felice che sei passata a trovarmi.
    Gambatte!!

    RispondiElimina