kyudo

kyudo
Un Diario di appunti sull'arte del Kyudo e non solo.....

giovedì 9 dicembre 2010

Castello Theodoli di Ciciliano.

Orsù direbbe Artù.
Questo castello me lo sono gustato insieme al Clan familiare, a base di Pizzocchi, polenta e gustose caldarroste.,in occasione della Festa di San Martino, nella cittadina di Ciciliano (Roma).
Il Castello è posto a 618 metri in posizione strategica sulla sommità del colle Ciciliano, tra i Monti Ruffi e i Monti Prenestini.    La struttura ha come nucleo originario la Rocca, eretta fra il 1050 e il 1115, dall'Abbazia Benedettina di subiaco a protezione dei suoi fondi.    Il Feudo di Ciciliano è stato a più riprese proprietà della famiglia Colonna, dal 1357 al 1563, in contesa con la Santa Sede e l'Abbazia di subiaco, fu poi acquistato dalla Famiglia Massimo, che lo vendette nel 1572 con titolo di Contea a Monsignor Gerolamo Theodoli Vescovo di Cadice.  La Famiglia Theodoli che concesse il primo statuto di Ciciliano nel 1579, Ha mantenuto i diritti feudali fino al 1816 ed è tuttora proprietaria del palazzo.     All'interno del Castello troviamo un corpo di guardia, una scalinata che con un portico conduce alle sale di rappresentanza al piano nobile, una cucina, un grande forno e un torchio per pigiare le uve con vasca di raccolta.
Cosa interessante che al centro della corte, vi è collocata un'ara funeraria romana, proveniente dal territorio della vicina città di Trebula Suffenàs, antico Municipio Romano di origine equa che sorgeva sul passo della Fortuna (Ciciliano).    Al piano nobile troviamo una serie di stanze compresa una cappella e uno stanzone con un camino sulla cui sommità è dipinto il blasone della Famiglia Theodoli.    Vi è inoltre un giardino pensile con piante secolari con ai lati un camminamento per la ronda.       In ultimo negli ambienti sotterranei del castello sono collocate le carceri, in cui sono presenti dei graffiti fatti dai detenuti ospiti della prigione in quegli anni.
Pant pant! una bella giornata e un'altro castello da raccontare, e bella anche l'atmosfera creata per l'occasione dai cittadini di Ciciliano.



   

2 commenti:

  1. Che belle le gite in famiglia.Inoltre i castelli affascinano i bambini!
    Saluti a tutti :)

    RispondiElimina
  2. Ciao Ale
    Le gite al Catejo sono le loro preferite, e noi li assecondiamo con piacere, visto che oltre all'avventura, li avviciniamo alla storia del nostro bel paese.
    Un caro saluto

    RispondiElimina