kyudo

kyudo
Un Diario di appunti sull'arte del Kyudo e non solo.....

mercoledì 17 novembre 2010

Dojo, il luogo della pratica.

Il luogo della pratica nel kyudo è chiamato dojo,  o ancora meglio per essere precisi Kyudojo.
Consiste in una sala da tiro chiamata "Shajo", comprensiva di una linea di attesa prima del tiro "Honza", la linea del tiro vero e proprio " Shai", una linea di preparazione quando si effettua cerimonia "Sadamenoza", di un Kamiza (o lato d'onore dedicato al saluto  iniziale per rispetto verso un Maestro Storico ma più che altro per rispetto di chi fino ad oggi ha avuto il merito di portare nel presente l'arte), e un angolo dedicato al maestro "Makiwara" o bersaglio di paglia, cui prima di ogni pratica è importante provare il tiro.
Subito difronte alla sala di tiro vi è un'area di volo delle frecce "Ya-michi", percorsa sulla sinistra da un camminamento laterale usato per il recupero delle frecce "Ya-tori Michi".   La distanza dallo Shai o area di tiro lungo tutto lo yamichi, fino ad arrivare al Mato è di 28 Metri.
In fondo vi è un terrapieno "Azuchi" composto di Sabbia e segatura, dove vengono posti i Mato o bersagli, e se si ha la fortuna di averlo, l'Azuchi viene coperto da una struttura chiamata "Matoba".
Molto bella è la definizione che viene data in un verso del Libro "L'arte del tiro con l'arco - Il Segreto del bersaglio":  "Il dojo è letteralmente il campo di battaglia della vita, un campo della vita e della morte".
Fatto stà che la pratica in questo luogo, ti mette di fronte a quello che sei tu, la tua intera persona è chiamata in causa, nulla è sprecato e ogni movimento ha un suo ruolo preciso, c'è armonia e rispetto con il tutto.
Lo porto sempre con me.
Allego soliti schizzi casarecci.

3 commenti:

  1. Non sapevo la cosa del Kyudojo... :)
    Che bello,sono boschi intorno a Roma?

    RispondiElimina
  2. Ale! contento di avertelo fatto conoscere, non ho troppo dilungato su altri particolari ma questo è quello che si ha nel luogo di pratica.
    Il campo è situato nella periferia Est di Roma, intorno ci sono campi verdi e ruderi di acquedotti Romani e per fortuna......niente lupo cattivo nel bosco :)

    RispondiElimina
  3. Ahahahahah!!!!
    Mi son sempre piaciuti i ruderi :)

    RispondiElimina