kyudo

kyudo
Un Diario di appunti sull'arte del Kyudo e non solo.....

martedì 5 ottobre 2010

Lassù dove osano gli Arcieri.


Eccolo quà, quì meraviglia medioevale arroccata tra i monti dell'Abbruzzo, affascinante sito dove meditare sul tutto.       Per un arciere, venire in questi luoghi fà venire i brividi, la voglia di tendere l'arco e scagliare una freccia nel vuoto come a dire "Dio io sono quà, ti dono la mia freccia per indicarti dove mi trovo".
Nel kyudo tradizionale Giapponese esiste una freccia particolare fischiante, chiamata "Hiki me o occhio di rana" - (http://www.youtube.com/watch?v=nik5nrC-aXI&p=62FF3BF67E29C3A5&playnext=1&index=26) composta da una larga punta a forma di flauto che viene utilizzata nelle cerimonie per esorcizzare il male o per augurare pace e prosperità del luogo o di un evento, e avrei desiderato tanto averne una con me, anche se non ne ho vista mai una in vita mia se non sulla rete.
Dunque Rocca Calascio è stupenda, a sole due ore da Roma, e non è difficile arrivarci, non serve nemmeno il navigatore.    La Rocca Sovrasta il Borgo medioevale e la sera al tramonto è uno spettacolo indicibile. Passeggiare nel borgo é tuffarsi davvero nei tempi passati, e le mura portano ancora i segni di quello che fù un sito importante.         La Signora Silvia e Family accolgono i visitatori nel rifugio della Rocca, dove si può mangiare e pernottare..........ne vale la pena.  Le camere sono veramente medioevali, con porticine piccole a cui si accede a dei bei stanzoni, (Normalmente vi vivono gli hobbit), con una sola finestrella e un lettone enormemente alto che ti viene voglia di guardare sotto se tante volte ci fosse nascosto il lupo.   Da ricordarsi, se si intende pernottare, di portarsi una lampadona tascabile, poichè le strade del borgo sono a lumicino e non si vede un tubo, a meno che non si abbia la vista a visore notturno.     Il silenzio la sera è irreale, quasi quasi ti mancano la sirena della polizia, del 118, i clacson, le urla......., ma è proprio questo il momento di spegnere l'interruttore.      La mattina si và alla Rocca non senza la pelle d'oca vista l'altitudine e lo spettacolo che attende i visitatori.      La Rocca, è davvero una Rocca,  Bellissima, non ho parole per esprimere quello che ho visto, se non nelle foto che ho inserito di seguito.    Dimenticavo di rammentare che in questo posto sono state girate delle scene del Film "Lady Hawk"per chi se lo ricorda.      Un posto meraviglioso dove tornerò senzameno..ehm!"!..., pure perchè alla signora Silvia devo riportare un contenitore per i cibi che mi ha generosamente prestato.
In ultimo: in estate portatevi il maglione e l'ombrello, e in inverno lo scafandro  ed armaduk.
Per chi ha piacere di visitare questa Rocca e il rifugio questo è il link:    
http://www.rifugiodellarocca.it/
Foto del set del film Lady Hawk: 
http://www.regione.abruzzo.it/ospiti/covatu/covatu_file/page0016.htm


4 commenti:

  1. bel posto..romantico e con un panorama mozzafiato.

    RispondiElimina
  2. ...e che dire poi della compagnia, mamma + cuccioli + Rocca + aria buona + paesaggio......mancava solo re Artù e poi eravamo al completo.
    Facciamo un'altro assedio a qualche altro Castle?.........Mam???

    RispondiElimina
  3. Ciao Enzetto,
    mi hai fatto vemire voglia di andarci al più presto!!! Mi piaciono tanti i castelli, respirare la loro storia....
    Per l'assedio ci pensiamo noi , tu con arco e spada , io con arco , ci manca solo uno che faccia naginata e siamo a posto^_^
    Ciaooo Enzo un abbraccio

    RispondiElimina
  4. Toreee!!! Non servono a niente arco e spada, magari portati un bel Giubbotto e mettiti le scarpe da trek che è meglio, inoltre una bella scorta di cibande con annesso thermos di calda cioccolata, di questi periodi andrebbe benissimo.
    Organizziamo.

    RispondiElimina