kyudo

kyudo
Un Diario di appunti sull'arte del Kyudo e non solo.....

sabato 2 ottobre 2010

Il bersaglio "MATO"

Il bersaglio a cui rivolgiamo la nostra pratica è il MATO.
E' costituito da un telaio  di legno "MATOWAKU" da 36 cm. e di un foglio di carta che costituisce la parte anteriore del bersaglio.     Si prepara con acqua e colla da carta, i bordi della carta una volta preparati vanno stesi sul matowaku, lisciati e livellati e messi ad asciugare.      Una volta pronto viene poi fissato all'AZUCHI (zona dove vengono posti i bersagli) costituita da sabbia alta 1,70 m. e profonda circa 70 cm., con un sostegno "MATO GUSHI" o stecca fatta di legno - acciaio, per sostenere la parte superiore del bersaglio.
 Due tipi di bersaglio vengono usati durante la pratica:  il "KASUMI MATO" o bersaglio fosco costituito da tre cerchi neri, e "HOSHI MATO"o bersaglio stella con un solo cerchio nero al centro.      Il mato viene posto in basso da un'altezza approssimativa di 10 cm o altezza di un pugno dal terreno, questo fatto è legato alla tradizione arcieristica del Giappone, in quanto l'altezza media dell'arciere antico e la forza di tiro dello yumi, in quella posizione, gli permetteva di tenere il corpo simmetrico e la freccia orizzontale quando si effettua il tiro a 28 m.        Un'altra ragione storica viene individuata dal fatto che gli arcieri samurai tiravano in battaglia sia in ginocchio che in piedi , e gli arcieri in ginocchio dovevano fronteggiare a poca distanza l'attacco della prima linea, poichè era necessario fronteggiare dapprima i guerrieri accucciati per contrastare l'avanzata, e per questo motivo 28 mt. era la distanza base.
Nella pratica del dojo dove pratico, viene utilizzato l'Hoshi mato, e a conti fatti è un buon compagno, che mi aiuta veramente nello studio della posizione e del tiro.
Allego foto Casarecce del Kasumi mato, Hoshi mato, Mato Gushi, e dell'Azuchi.

Nessun commento:

Posta un commento