kyudo

kyudo
Un Diario di appunti sull'arte del Kyudo e non solo.....

domenica 26 settembre 2010

Studio del tiro - Voglio studiare bene l' ASHIBUMI.


Ho ben in mente, che praticare l'arte del Kyudo include tutta una serie di regole importanti, che aiutano a perfezionare il tiro.        La costruzione di un buon tiro parte dai piedi, quì si studia la disposizione del corpo in relazione al bersaglio da colpire (ASHIBUMI).    Da quello che stò imparando, si parte aprendo il piede sinistro di 1/2 dell'apertura seguito poi dal piede destro seguendo sempre l'apertura in direzione del bersaglio (NAKAZUNI NO KANE).   L'apertura corrisponde alla lunghezza della propria freccia (YA).   Un tempo l'apertura corretta dei piedi veniva calcolata con la regola del ventaglio aperto (Ogi no kane).     Ogni qualvolta mi esercito al tiro, ho la buona abitudine di controllare che il corpo sia ben stabile in questa posizione, anche perchè ogni serie di frecce conficcate nel matoo nei dintorni mi prendono in giro gridando all'unisono "cambia sport datti alle bocce"...., ma sanno bene che non demordo. 
Dalla prima serie di quattro frecce, ho intravisto che il piede destro era leggermente arretrato rispetto alla linea destra, e ho quindi l'ho riportato sulla linea di tiro.
Nella seconda serie, ho dovuto spostare il piede sinistro leggermente indietro (Forse è ora che mi metto gli occhiali)
Nella terza serie ho leggermente migliorato la posizione, ma ahimé nonostante dei buoni tiri ho la conferma che devo lavorare ancor di più sull'Ashibumi, o forse anche su qualcos'altro che mi sfugge.
 Per concludere: questi non sono che piccoli appunti mentali che mi ricordano costantemente di migliorare, sondare e studiare quello che accade durante la pratica del Kyudo, che vale a dire tutta una vita intera di prove su prove ed esperienze vive in collaborazione con altri Kyudoka, ma mi rendo conto che queste considerazioni non sono altro che mie uniche impressioni poichè con l'Ashibumi al tiro influiscono un'infinità di altre variabili.   Accidenti!!!! ho l'impressione che davvero mi devo dare alle boccie.

8 commenti:

  1. Ciao Enzo,
    interessante...aspetto lo studio della fase successiva: il dozukuri.
    Il kyudo è studio costante, hai ragione
    Ciaooo Tore

    RispondiElimina
  2. Tore stai imparando più di me.
    Appena superato l'ashibumi mi ricorderò di imparare il dozukuri e di provare a raccontare l'esperienza.
    Toree Banzaiiii.

    RispondiElimina
  3. Come "sport" ?!!!!!!!!!!!!
    Vabbè....facciamo che lascio correre perchè sei all'ashibumi. Quando arrivi ad Hanarè stai attento a te :)

    RispondiElimina
  4. Carissima hai ragione, uno sport non è un'arte e un'arte non è uno sport, l'mportante è praticare con spirito buono e di ricerca.
    Sono contento che tu conosca l'hanarè, ma......che cos'è???

    RispondiElimina
  5. !!!!!
    come chiami quando scocchi la freccia? dopo kai?
    Sono curiosa, posso chiederti chi è il tuo Maestro ed in quale dojo pratichi? Io ho praticato il kyudo per quasi quindici anni ma ho smesso da tempo. Ciao

    RispondiElimina
  6. Gnam! fantastica quella glassa al cioccolato che hai fatto complimenti Chef, voglio provare a farla. Parte gli scherzi, lo so che è hanarè, ma tu meglio di me sai che è sempre un gradino nel kyudo da imparare bene, ed io stò imparando,ed imparando ancora a capirlo e mi sforzo a pensare che sia così. Hai letto una goccia cade da una foglia postato da poco?? è dedicato a quel momento. Il dojo è quì a Roma e segue la scuola Heki come avrai compreso. Ne parlerò prossimamente. Un caro saluto.
    P.S. Conosco una arciera amante della cucina che si chiama Alessandra, sei forse tu??

    RispondiElimina
  7. Ciao, non sono sparita, ero in viaggio per lavoro. No non sono Alessandra! Io arciera non lo sono più da parecchio tempo (se si smette mai davvero o qualcosa resta nel cuore e non solo) invece pasticcera lo sono per professione. In un certo senso quando cucino lo faccio come quando facevo hassetsu, tutta la vita si può fare così, non credi? Io penso che quello sia il fine del Kyudo.
    Il mio stile era Ogasawara. Ciao, a presto

    RispondiElimina
  8. Slurp!! bentornata.
    Anche io ho praticato per diversi anni Shomen, ma poi ho trovato un buon gruppo di arcieri Heki, e mi sono unito a loro,.......forse mi calza a pennello questa scuola.
    Spero che un giorno tornerai a praticare e se ti và noi siamo in zona tor tre teste (prenestina) e il dojo se tutto và bene lo inauguriamo quest'anno.
    Un saluto e a presto.

    RispondiElimina