kyudo

kyudo
Un Diario di appunti sull'arte del Kyudo e non solo.....

domenica 12 settembre 2010

Generale Gamò Kataide e il suo Grande arco.



Questa interessante illustrazione, tratta da "Pictorial Biografy of Toyotomi Hideyoshi the unifier of Japan ehon Toyotomi kunkoki by Ichiyusai Kuniyoshi from the woodblock edition of 1855 - 1884 - w.m. hawley" ci mostra questo ardito Generale tendere il suo SHIGETO YUMI pronto a scagliare contro un gruppo di samurai del Signore Nobunaga una freccia con una Yajiiri (punta da freccia) O-karimata, protetto da una barriera-scudo (Tedate).      Lo SHIGETO YUMI era e lo è tuttora un'arco ricoperto di diversi strati di Urushi (Lacca), ed era avvolto con bande parallele di filo sottile prima ancora che venisse applicata la lacca.     Questa copertura lo rendeva resistente (ecco spiegato perchè nelle illustrazioni antiche, i samurai hanno sempre con loro in battaglia questo eccezzionale arco) e ad oggi è ancora costruito da pochi artigiani, il che lo rende molto costoso, e data la loro potenza non dovrebbe essere adatto all'uso quotidiano.
Nell'illustrazione è presente anche un tipo di freccia con una punta denominata "karimata - foggiata a zampa di rana aperte".     Di questo tipo di punte, molte illustrazioni dimostrano quanto in battaglia se ne facesse uso, addirittura su "Japanese Polearms di Roald M. Knutsen - The Holland press, London 1963" ve ne è fotografata una a forma di falce che veniva utilizata per tagliare il sartiame delle vele delle navi.

Nei prossimi post aggiungero delle foto di vari tipi di punte da freccia.
Oltre alla pratica nel dojo, per imparare la forma e la tecnica, è per me necessario anche aggiungiere la ricerca nei testi reperibili, poichè quì da noi è  un pò complicato avere tante informazioni per incrementare la conoscenza dell'arco Giapponese e delle sue componenti, e le illustrazioni e xilografie offrono un'ottimo campo dove cercare e capire.

2 commenti:

  1. ciao Enzo,
    interessante racconto. Hai ragione tante illustrazioni contengono particolari molto lolto interessanti.
    Alla prossima.
    Tore

    RispondiElimina
  2. Grande Tore, penso che lo studio non abbia mai fine.

    RispondiElimina