kyudo

kyudo
Un Diario di appunti sull'arte del Kyudo e non solo.....

domenica 13 aprile 2014

Mato (Il bersaglio nel kyudo)

Questo è il bersaglio che utilizziamo solitamente per il tiro a 28 Metri (Kinteki).
Consiste in un telaio circolare di legno di 36 cm., chiamato Matowaku e di un foglio di carta posto nella parte anteriore del bersaglio.
Si incolla al Matowaku usando una mistura di acqua colla e carta, per poi lasciarlo asciugare al sole.
Il Mato, una volta pronto, viene fissato all'Azuchi (zona coperta dove vengono posti i bersagli), per mezzo di un sostegno (Gogushi) di legno o eventualmente in metallo.
Per il mato, vengono utilizzati due tipi differenti di bersaglio: Il bersaglio nebbia o Kasumi Mato composto da una serie di cerchi neri concentrici di varia ampiezza, e il bersaglio stella o Hoshi Mato che è quello che si vede nelle foto sottostanti.
Grazie a Beatrice e Maurizio San per avermi prestato il loro tempo per queste immagini.






mercoledì 9 aprile 2014


 Ecco, per l'appunto capita.
Questa è una delle questioni mentali che capitano a chi si adopera per quanto concerne la questione arcieria.
Se per caso un bel tacchino gigante ti svolazza con le sue penne a mò di danza araba, non lo pensi come sarebbe saporito sulla tavola, ma a come potrebbero lavorare su un'asta quel tipo di penne.
Troppo rigide o troppo morbide?? tutto vola su un'asta, ma in realtà bisognerebbe quantomeno capirne la funzionalità in volo per acquisire esperienza,
Fatto stà che spesso si lascia il telefono a tanti fattori e pochi ti richiamano, ma questa volta ho trovato una buona amica che avendo deciso di cucinare il bel tacchino, mi ha conservato le penne come gli avevo chiesto.
Come al solito lascio le immagini alle foto dell'immancabile cellulare heki da scoperta.




martedì 18 marzo 2014

Instancabile Gomu Yumi

Un nuovo e divertente gomu yumi (Arco di Gomma) per lavorare bene sullo studio dell'apertura delle scapole e per non dimenticare mai il lavoro corretto della destra e della sinistra.
Io continuo a trovarmi bene con questo piccolo oggetto, visto che il mio tempo a disposizione per la pratica al dojo è ridotto ad una volta alla settimana.
Me lo porto sempre con me negli spostamenti giornalieri e appena posso non esito ad impugnarlo per provare e riprovare le sensazioni che ho durante l'addestramento con l'arco vero e proprio.
Non posso dire che è la stessa cosa, ma certamente mantiene vivo lo studio sull'azione torcente che avviene sull'arco sia della mano sinistra, che della destra, allenando la mente anche sul momento dello sgancio, e oltretutto un buon esercizio di allungamento per le spalle e le braccia.
Allego immagini del gomu, immancabile buon lavoro del mastro arcaio Maurizio Francescangeli.

 

mercoledì 12 marzo 2014

Zen e Kyudo




...io non credo indispensabile che il Kyudo e le pratiche Zen si spieghino a vicenda:
Si può dire che il Kyudo sia diverso dallo Zen, così come sostenere che siano la stessa cosa.
Il Kyudo può avvicinarsi quanto si voglia allo zen, ma ritenere che esso possa costituirne un'introduzione è un errore; se poi di introduzione si dovesse proprio parlare, si potrebbe parimenti sostenere che lo Zen possa essere considerato un avviamento al Kyudo.
Sia la pratica dello Zen che l'arte del tiro possono fiorire con pari splendore e le persone esperte sanno che l'arte, come lo zen, è in grado di maturare e temprare lo spirito.
"Da YUMI NO KOKORO - Lo Spirito del Kyudo - Inagaki Genshiro"


venerdì 7 marzo 2014

Impennatore freccie per Kyudo.





Oggi posto questo interessante lavoro realizzato da Maurizio Francescangeli per il Dojo.
Un impennatore per le aste da Kyudo.
Semplice e funzionale.
Magari potrà tornare utile o servire da modello a chi intenda costruire da se le proprie freccie.













Arriva la primavera.

 
Che profumo di fiori e erba tagliata, appare anche il sole.
Direi che la primavera è tra noi.
Bentornata!!